RSS - Servizio Feed di www.NaturaOccitana.it Stampa Versione stampabile della pagina visualizzata. Segnala Invia questa pagina presso un indirizzo email.  

Geologia
Patrimomonio geologico italiano

 

1DSCN1934.JPG(4025)   
LE ROCCE 
DELLA GARDETTA  

 

 Rocca la Meja

Nel 2001 l 'Altopiano della Gardetta è stato individuato come un Patrimonio Geologico Italiano  
nel censimento dell'APAT (Agenzia per la Protezione dell'Ambiente e per i servizi Tecnici), 
ex Servizio Geologico Nazionale. 
Tale prestigioso riconoscimento è dovuto alla varietà e all'eccezionale stato di conservazione delle rocce, 
che testimoniano l'evoluzione di questa parte di territorio alpino chiamato Zona Brianzonese dai geologi.

Raggiunto il paradiso naturale della Gardetta, lo sguardo è subito colpito dal contrasto 
fra le ardite creste rocciose e la dolcezza dei prati che l'attraversano: 
in tutta la fascia centrale dei pascoli si trovano i terreni più antichi, silicei, con età compresa fra 300 e 240 milioni di anni, 
mentre le vette circostanti, carbonatiche, hanno una età compresa fra 240 a 210 milioni di anni fa; 
nel settore compreso fra il Bodoira e il Monte Giordano, esse arrivano invece fino a 50 milioni di anni fa, 
quando ormai le Alpi iniziavano a sollevarsi in seguito allo scontro fra due continenti: 
la Francia
 e l'Europa da un lato, il promontorio di isole e il mare che sarebbe diventato l'Italia dall'altro.

La storia della Terra raccontata dalle rocce

Becco Nero vulcani
Età: 
300-250 milioni di anni
Era geologica: Carbonifero-Permiano

Rocce: andesiti e porfiroidi
Ambiente paleogeografico:
 
vulcani
  Il Becco Nero

I terreni silicei sono costituiti da rocce di tipo vulcanico (andesiti e porfiroidi), di colore verde e violaceo, 
del tipo utilizzato per costruire le casermette della Gardetta e della Bandia. 
 

Ripple_marksfiumi e spiagge
Età: 245 milioni di anni
Era geologica: 
Triassico inferiore

Rocce: conglomerati quarzosi e quarziti
Ambiente paleogeografico:
 fiumi e spiagge
  Ripple marks alla Gardetta

In regione Pianezza e al Colle d'Ancoccia i vulcani sono seguiti da rocce di antichissimi fiumi, 
che scorrevano in un ambiente desertico e di cui si riconoscono ancora i ciottoli dell'alveo fluviale (conglomerati quarzosi); 
a circa 245 milioni di anni fa si segnalano le prime tracce dell'arrivo del mare, con la sabbia delle spiagge (quarziti
che oggi si è trasformata in una roccia bianca molto compatta, in cui si può ancora vedere intatto il fondale sabbioso ondulato (ripple-marks).

Colle Valcaveralagune costiere aride
Età: 240 milioni di anni
Era geologica: 
Triassico inferiore
Rocce: gessi e calcari a cellette

Ambiente paleogeografico: lagune costiere aride
 Gessi al Colle di Valcavera

Sempre di colore bianco, ma facilmente sgretolabili, sono le rocce che si formavano dentro a lagune costiere salmastre e aride, 
che si concentrano oggi ai colli della Gardetta e della Margherina (gessi); 
assieme ai gessi affiorano rocce arancioni caratterizzate da cavità diffuse (calcari a cellette); 
Su queste rocce che facilmente si disciolgono nell'acqua la geomorfologia è dominata dal fenomeno carsico degli inghiottitoi, 
che vanno a formare estesi campi di doline molto suggestivi.

Faccette triangolarimare 
Età: 240--230 milioni di anni
Era geologica: 
Triassico medio: Anisico e Ladinico

Rocce: calcari e dolomie 
Ambiente paleogeografico:
 mare tropicale
  Strati verticali della Meja

Ci troviamo ormai in un ambiente marino, al contatto con le rocce carbonatiche delle vette che circondano la Gardetta (calcari e dolomie).
Un indizio indiscutibile sono i fossili incastonati nelle pietre: calcari vermicolati, tracce di pascolo di crostacei marini, alghe, crinoidi e coralli.

 Crinoidi

Rhyzocorallium

Calcari vermicolati

 Fossili di crinoidi

Tracce di crostacei Rhyzocorallium

Calcari vermicolati

Testi e foto: Enrico Collo

 
Badia del Preit Scialpinismo Colli Vette Sentieri Dolomiti del Piemonte Geologia Opere militari
Architettura Cosa Fare
Geologia - creata (19/11/2017) - modificata (19/11/2017) - vista 644
Tutti i contenuti del sito sono di proprietà di NaturaOccitana, e non possono essere riprodotti senza esplicita autorizzazione.

NaturaOccitana di Enrico Collo, Via Copetta 16 - 12025 Dronero (CN), P.I. 02841370048
Accompagnamenti e consulenze naturalistiche - info@naturaoccitana.it